Cerca
Sei in: Home > Profili professionali

Dipartimento di Psicologia

  • Obiettivi formativi
  • Profili Professionali e Sbocchi Occupazionali

Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche psicologiche
Corso di laurea magistrale in Psicologia Clinica: salute e interventi nella comunità
Corso di laurea magistrale in Scienze del Corpo e della Mente
Corso di laurea magistrale in Psicologia Criminologica e Forense
Corso di laurea magistrale in Psicologia del Lavoro e del Benessere nelle Organizzazioni


Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche psicologiche

Il Corso è chiamato a fornire, in modo prioritario, gli strumenti coerenti con un profilo professionale di collaboratore in attività psicologiche, con particolare riferimento ai più diversi ambiti di lavoro, in contesti duali, organizzativi e istituzionali. L'obiettivo è pertanto formare figure professionali competenti a operare nel ruolo di collaboratore tecnico nelle varie aree psicologiche, rivolte alla ricerca, all'analisi, alla progettazione, alla gestione e alla valutazione dell'intervento. Il laureato dovrà disporre di conoscenze e competenze che lo rendano idoneo a interagire con altre figure professionali presenti sul territorio, con riferimento ai servizi diretti alla persona, alle famiglie, ai gruppi, alle organizzazioni, alle comunità e alle istituzioni.
In sintesi, i laureati nei corsi di laurea della classe devono aver maturato una preparazione che li renda idonei sia nelle attività lavorative prescritte sia al proseguimento degli studi con l'iscrizione alle Lauree magistrali, in cui completeranno la loro formazione personale e professionale. In ogni caso, il Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche fornirà gli strumenti necessari a collaborare in attività psicologiche, sotto la supervisione di uno psicologo magistrale, nell'ambito dei vari contesti sociali, organizzativi, del lavoro nelle strutture pubbliche e private che erogano e gestiscono servizi sociali e socio-sanitari: domiciliari, residenziali, territoriali (previsti dalla legge 328/2000).


Corso di laurea magistrale in Psicologia Clinica: Salute e Interventi nella comunità

La laurea magistrale in Psicologia Clinica: salute e interventi nella comunità si propone di approfondire la conoscenza e l'utilizzo degli strumenti teorici e metodologici necessari per l'intervento psicologico clinico e per l'analisi, la ricerca e l'intervento psicosociale nei contesti socio-sanitari, pubblici e privati. L'impostazione scientifica e didattica del corso di studi è orientatata al confronto fra i differenti modelli teorici volti all'ascolto della sofferenza psichica, alla comprensione del paziente e alla relazione clinica ed interpersonale, in un modello formativo che integra l'importanza dell'interfaccia fra l'individuo e il contesto con le competenze specialistiche per un intervento a più livelli (individuale, sociale e sanitario).

Il corso di laurea si articola in due curricula professionalizzanti:

  • il primo rivolto alla formazione all'intervento socio-sanitario nei contesti pluri-professionali;
  • il secondo rivolto alla formazione all'intervento clinico psicologico individuale, secondo una prospettiva professionale consolidata e tradizionale.

I due curricula condividono un tronco comune, il primo anno, che allinea le competenze in entrata e pone le basi teoriche e metodologiche per una fruizione ottimale dei curricula previsti.

Il corso è stato strutturato con una particolare attenzione agli aspetti applicativi ed esperienziali attraverso la previsione di attività laboratoriali di approfondimento, a scelta dello studente, le quali privilegiano modalità di lavoro di gruppo, supervisione e tutoraggio nell'utilizzo individuale degli strumenti professionalizzanti proposti.

La laurea magistrale fornirà le competenze necessarie per raggiungere i seguenti obiettivi professionali:

  • ascolto del paziente e accoglimento della sofferenza psichica;
  • valutazione del funzionamento psicologico e psicopatologico ai fini diagnostici e di progettazione dell'intervento;
  • conduzione del colloquio clinico e del sostegno psicologico;
  • messa a punto di interventi di valutazione, prevenzione e gestione del rischio psicopatologico e sociale;
  • promozione del benessere individuale e comunitario e della qualità della vita;
  • analisi e gestione delle dinamiche relazionali;
  • analisi della domanda, della motivazione, delle aspettative degli utenti e degli operatori in contesti isituzionali;
  • progettazione, coordinamento e valutazione di interventi rivolti a pazienti, famiglie, gruppi ed istituzioni;
  • comprensione della struttura organizzativa sanitaria e acquisizione delle abilità necessarie all'intervento attraverso equipes multi-disciplinari.

Corso di laurea magistrale interdipartimentale in Scienze del Corpo e della Mente

Il corso di laurea magistrale in Scienze del corpo e della mente si propone come corso interdipartimentale che intende  integrare le conoscenze psicologiche approfondite con conoscenze di natura medica . La figura professionale che questa laurea magistrale si prefigge di formare è quella di uno psicologo più esperto e più attento al soma (attenzione che spazia dalla conoscenza dei risultati delle neuroscienze, alla conoscenza dei fenomeni psichici che influenzano le malattie psicosomatiche e il decorso della cura medica).
Questa nuova figura di psicologo nasce dalle esigenze emerse congiuntamente nella ricerca in neuropsicologia, così come in diversi contesti professionali clinici e sanitari.

L'impostazione scientifica e didattica del corso ha perciò il duplice scopo di fornire una buona conoscenza della psicologia scientifica moderna insieme ad alcune nozioni mediche che permettano di comprendere ed indagare l'articolata relazione tra mente, corpo e cervello e le loro reciproche influenze. In altre parole, si propone un modello formativo che integri le più recenti metodologie di ricerca della psicologia scientifica con i domini della medicina fondamentali per la comprensione del rapporto tra mente, sistema nervoso centrale e corpo e le loro reciproche influenze. In quest'ottica verrà dato particolare risalto all'ambito delle neuroscienze di base, delle neuroscienze cognitive e sociali e alla loro relazione con diverse forme di disturbi mentali.


Corso di laurea magistrale interdipartimentale in Psicologia Criminologica e Forense

Il corso di studio si propone i seguenti obiettivi:

  • Colmare un gap scientifico-formativo in àmbito criminologico, clinico-forense e psicoforense.
  • Promuovere la professione psicologica nei contesti psicoforensi penali e civili. Il doppio registro scientifico-formativo si articola in una preparazione specialistica orientata a formare professionisti psicologi che acquisiranno competenze:
  1. cliniche e psicodiagnostiche forensi, criminologiche, vittimologiche, peritali e consulenziali, di prevenzione e trattamento dell’antisocialità, di valutazione del rischio di ricaduta criminale, di violenza e di pericolosità sociale; di valutazione neuropsicologica e riabilitativa, di valutazione delle capacità di agire e del danno alla persona;
  2. nella tutela dei diritti e dei bisogni dell’infanzia, consulenziali e peritali nei casi di separazione, divorzio e affidamento dei figli, nei casi di allontanamento dei minori dalla famiglia, nei casi di adozione nazionale e internazionale, di sostegno alle vittime dell’abuso e del maltrattamento, e di prevenzione e/o riduzione dei processi di vittimizzazione.
  • Sviluppare una collaborazione con le Istituzioni giudiziarie e territoriali, al fine di rendere possibile una più attiva co-partecipazione tra accademia e comunità. L’interesse è quello di costituire un importante spazio di sviluppo per le attività pratiche-professionalizzanti, di stage e tirocinio connesse al corso di laurea.

Percorsi formativi

L’organizzazione didattico-formativa prevede due percorsi formativi:

  • Profilo orientato all’ambito civile
  • Profilo orientato all’ambito penale

Corso di laurea magistrale in Psicologia del Lavoro e del Benessere nelle Organizzazioni

Le conoscenze e competenze acquisite e sviluppate nel corso di studi, in sintonia con gli orientamenti europei, sono finalizzate ad operare nei processi di promozione dell'individuo, in particolare nelle scelte occupazionali e dell'identità lavorativa, di miglioramento del benessere collettivo e di tutela della salute psicologica sui luoghi di lavoro. Gli ambiti di ricerca e applicazione tipici sono legati all'interpretazione psicologica dei fenomeni organizzativi:

  • consulenza a sostegno delle transizioni lavorative;
  • azioni di formazione, sviluppo e sostegno al cambiamento di singoli individui e delle organizzazioni;
  • processi organizzativi e gestionali mirati a promuovere la qualità del lavoro e della vita nei contesti organizzati.

Il percorso formativo affianca alla didattica finalizzata al consolidamento delle conoscenze scientifiche rilevanti, l'approfondimento delle più recenti tendenze di ricerca e della pratica in Psicologia del lavoro e delle organizzazioni. Una specifica attenzione viene dedicata ai metodi e agli strumenti di ricerca e di lavoro attraverso esercitazioni, esperienze pratiche, laboratori e seminari utili a favorire l'acquisizione, l'attivazione e il trasferimento delle conoscenze e delle competenze fondamentali per il profilo professionale richiesto.

Ultimo aggiornamento: 07/05/2015 14:20
Campusnet Unito   |   Versione Mobile
Non cliccare qui!